Dolce

Jonie pedegree e gallery

JONIE: Intrepida e piena di energie

Jonie è nata dalla prima cucciolata di Uma, è una hovawart piena di risorse…  Da sempre intrepida nel volere mostrare le sue doti, come quando sprezzante del pericolo, a 25 giorni di vita è riuscita a fiondarsi fuori dalla cassa parto per raggiungere la madre, rimanendo attaccata a tittare tutta la notte lasciando fratelli e sorelle a bocca asciutta. Aveva poco più di trenta giorni quando sentendo le nostre voci al piano superiore, pensò bene di raggiungerci affrontando una impervia scala a chiocciola. Jonie ha tentato in ogni modo di convincerci…lei voleva proprio stare con noi…è cosi che ci ha stregato!!!

 

Hovawart amante del freddo

Uma pedegree e Gallery

GUARDIANA EMPATICA

Uma: il nostro primo hovawart.

Uma è arrivata tra noi il 10 ottobre 2009. Ha fin dai primi giorni mostrato il suo bisogno del legame con l’uomo e la sensibilità estrema. Attenta, protettiva e premurosa fin da cucciola ha mantenuto queste sue eccellenti doti fino ad oggi. Nei momenti di difficoltà sembra comprendere gli umori e si avvicina delicatamente cercando di mostrare la sua vicinanza. Protettiva con la famiglia e con Chiara che ha iniziato a difendere appena giunti a casa dall’ospedale mettendosi a dormire sotto la sua culla.

Uma è un cane molto equilibrato, è sempre pronto a difendere il suo territorio e la sua famiglia; non abbaia mai a caso, segnala la presenza di estranei con regolare puntualità capendo con altrettanta prontezza il ruolo da assumere: accoglienza per gli amici e diffidenza per gli sconosciuti, questo è il suo atteggiamento tipico nei confronti delle persone che vengono a trovarci.

Accetta senza nessun problema gli estranei che noi accogliamo, ma non ama molto le smancerie da parte di questi ultimi, al massimo si prende la sua carezza e poi si mette buona rimanendo a controllare la situazione a distanza.

I cani sono il nostro legame con il paradiso. Non conoscono il male né la gelosia né la scontentezza. Sedersi su un pendio con un cane in uno splendido pomeriggio è come tornare nel giardino dell’Eden in cui oziare non era noioso: era la pace.”
MILAN KUNDERA